Lindy Hop



Il Lindy Hop si è evoluto dal Charleston e da altre danze jazz negli anni ’20 ed esplosa poi nella Swing Era degli anni ’30 e ’40. Nacque ad Harlem (NY) e si diffuse poi in tutto il resto del mondo sotto forme diverse, fino a sbarcare in Europa ed in Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale, tramutandosi in Boogie Woogie. Si balla appunto su musica jazz-swing.
Il Lindy Hop è un ballo sociale, ovvero che si è soliti ballare con partner sempre diversi (sia a lezione, sia alle serate di ballo), per favorire, oltre alla socializzazione, anche il miglioramento nel proprio stile di ballo. Può essere ballato su tempi lenti e veloci ed è perfetto per tutte le età. Una volta che avrete imparato la connessione fondamentale e le tecniche di guida, potrete ballarlo con chiunque! La diffusione di questi balli è ormai talmente grande che non faticherete a trovare in ogni angolo del globo eventi e workshop.

Balboa



Il Balboa è un ballo Swing nato in California tra gli anni ’20 e ’30, che prende il nome dalla penisola di Balboa, a Newport beach, dove è stato inventato. Si dice che sia nato dall’esigenza di ballare in sale da ballo affollatissime, da qui i caratteristici passi piccoli e veloci e l’estremo contatto fisico tra i due ballerini. E’ un ballo di coppia che si basa sulla connessione completa fra i due corpi con molti cambi di peso, spesso invisibili agli spettatori, con passi minimi e sincronizzati tra uomo e donna.
Ha la caratteristica di poter essere ballato in poco tempo su tutte le velocità e si esegue in un abbraccio stretto, ruotando con eleganza. Nonostante però il contatto fisico molto esteso la libertà di movimento non è affatto limitata. Esistono infatti due stili: il Pure Bal, ballato quasi completamente in posizione chiusa, e il Bal Swing, che comporta variazioni e aperture simili al Lindy Hop.

Blues



Il Blues è un ballo lento, intenso, intimo, spesso accompagnato da musica e testi struggenti. I movimenti sono in piena sintonia con la melodia, fluidi e sinuosi, per riempire il tempo tra una nota e l’altra. Inizialmente senza footwork o figure complicate, si è poi strutturato con figure più complesse.
Nasce da ritmi e movimenti africani, tuttavia non è mai stato ampiamente praticato come ballo sociale al di fuori delle comunità di colore; così si è sviluppato nelle feste in casa, dandogli una sensazione più intima.
Oggi incorpora molti aspetti di queste danze originali così e integra idee moderne relativi alla connessione, l'improvvisazione e il movimento naturale del corpo. Blues è anche emozione che si mette nel ballo; lascia libero spazio alla liberta’ individuale, sottolineando che è la musica a condurre le danze, mentre il ballerino è semplicemente un interprete.

Solo Jazz



Il Solo Jazz, detto anche Vintage Jazz, Authentic Jazz o Vernacular Jazz, ha origini che sono da ricercare tra la fine dell'800 e l'inizio del '900. Si balla in solo e combina la tap dance, il charleston e altre forme di balli. Essi necessitano di una forte interpretazione personale e ci permettono di giocare con il ritmo della musica. Tra le più famose coreografie ricordiamo lo "Shim Sham", il "Tranky Doo" e la "Big Apple".
Il Solo Jazz è un ballo molto utile per imparare al meglio gli altri balli di coppia della famiglia dello Swing, perchè permette di apprendere a muoversi autonomamente e con maggior precisione.
Per un livello più avanzato di ballerino di Lindy Hop, inoltre, è fonte di grande ispirazione per poter inserire variazioni di footwork nel proprio ballo, arricchendo così anche il proprio repertorio di figure.


join the newsletter